Nasce Sostanziale.it, guida on line ai servizi contro l’uso e l’abuso di droghe

Una guida on line e cartacea ai servizi della provincia di Bologna ai quali rivolgersi per avere consigli e aiuto sull’uso – e l’abuso – di sostanze psicoattive. È Sostanziale.it, un sito dedicato soprattutto ai giovani che offre una mappa dei servizi a cui rivolgersi per ogni specifica esigenza, una dizionario per conoscere la storia delle sostanze e una sezione informativa sulle conseguenze del consumo. Sostanziale.it è un progetto del Servizio politiche sociali della Provincia, realizzato con risorse della Regione e con il supporto del Corso di Laurea magistrale in Scienze della Comunicazione pubblica e sociale dell’Università di Bologna. Solo nell’ultimo anno, i Sert dell’area metropolitana di Bologna si sono occupati di 2.934 pazienti, con un’età media di 38 anni. Seicento di loro hanno tra i 15 e i 29 anni. “Un dato abbastanza alto – commenta Luca Ghedini, psicologo Ausl Bologna Sert Est – Per di più, in molti non si rivolgono ai servizi, per paura o perché pensano di non avere un problema”. Aprirsi al web ha proprio questo scopo: raggiungere i giovani che, quotidianamente, hanno a che fare con la rete. “Molti di loro non diventeranno mai tossicodipendenti – continua Ghedini –, ma probabilmente svilupperanno altri problemi, subiranno altre forme di sofferenza che, per loro natura, fanno più fatica a raggiungere i servizi”.

L’appello dello psicologo è a togliersi dalla testa lo stereotipo dell’eroinomane tramandatoci dagli anni Novanta, perché anacronistico. Esistono nuove forme di consumo, i consumatori non sono più gli stessi, le droghe sono cambiate. E i servizi validi allora, oggi rischiano di essere inappropriati: per questo servono strutture nuove e innovative in grado di offrire un aiuto calibrato sulle esigenze di ognuno. “Il vecchio approccio spesso genera rifiuto – spiega Djordje Sredanovic, co-autore della guida – Per questo, Sostanziale.it include servizi che fanno consulenza on-line, per scardinare la vergogna di mostrarsi in prima persona”. Un altro aspetto messo in luce da Sredanovic è la perdita di competenza interna: gli anni passati i consumatori avevano una socialità nel loro gruppo e la conoscenza di atteggiamenti troppo pericolosi quindi da evitare. Oggi c’è ancora meno attenzione.

Sostanziale.it coinvolge soggetti pubblici e privati di tutto il territorio bolognese, per garantire una copertura capillare. Raccoglie 130 servizi elencati in base al Comune dove hanno sede. La mappatura comprende: 38 centri di aggregazione giovanile, 25 associazioni (soprattutto di auto mutuo aiuto ma anche giovanili), 20 servizi bassa soglia e unità di strada, 11 SerT, 8 centri antifumo, 7 spazi giovani dei consultori, 1 servizio per giovani consumatori (Area 15) attivo a Bologna ma che serve tutto il territorio provinciale. La versione cartacea della guida – rivolta a operatori e insegnanti – include anche 20 servizi fra comunità di accoglienza, gruppi per familiari e progetti per le scuole. Ulteriore materiale promozionale (cartoline e locandine) sarà distribuito nei 31 istituti scolastici secondari della provincia, nei 53 sportelli sociali sul territorio e negli Urp dei Comuni della provincia e dei quartieri di Bologna. “Dobbiamo lavorare molto su prevenzione, educazione e formazione – spiega Beatrice Draghetti, presidente della Provincia –, a maggior ragione in un periodo in cui stiamo assistendo alla normalizzazione delle dipendenze. Ci muoviamo in una mentalità diffusa molto dannosa, a cui serve sottrarci”.